Italy Team News- L’avventura dei Saluzzo North West Roosters

Non è difficile, si sa, trovare una squadra di calcio Italia.
Nel Belpaese, anche il più piccolo dei centri ha di solito il suo club locale, radicato sul territorio e capace di attrarre con le scuole calcio bambini e ragazzi di ogni età.
Non si può dire lo stesso del rugby league, al momento: tanti chilometri separano, di solito, un club dall’altro e il campionato italiano sfrutta soprattutto la stagione estiva per fase a gironi e playoff.
Eppure a Saluzzo (Cuneo), meno di 17 mila anime, il league è riuscito a dire la sua, portando nell’area dell’ex Marchesato perfino eventi internazionali.
Merito di ciò va alla sinergia tra la Fédération Française de Rugby à XIII (FFRXIII), la Federazione Italiana Rugby League (FIRL) e il board dei Saluzzo North West Roosters, realtà dalle radici salde e profonde nell’ambiente sportivo cittadino.
Dallo scorso anno, infatti, i Roosters militano nella Ligue PACA de Rugby à XIII, categoria regionale (Provenza-Alpi-Costa Azzurra) della National Division 2.
La geografia, in questo caso, è amica: Saluzzo dista soltanto 50 chilometri dal confine con la Francia. Ma ciò non toglie all’ambizione del progetto, anche per le risorse e la fatica messe in campo: nel 2016-2017, La piuma è stata in trasferta ad Avignone, Saint-Martin-de-Crau, Caumont-sur-Durance, Marsiglia e Carpentras.
Tanto chilometraggio, l’iniziale fase di assestamento e poi, il 25 marzo, la prima storica vittoria, un 26-16 al Saint-Martin 2 che rimarrà negli annali del rugby a 13 italiano.
Lo sforzo dei Roosters è stato premiato con l’assegnazione a Manta – comune che al club fornisce impianti e strutture – del Test Match Italia-Spagna, con dominante affermazione azzurra (94 -4) sul XIII del Toro e record di punti (26, 13/14 dalla piazzola) per Mirco Bergamasco, nazionale ‘dual code’ (89 caps con l’Italia nel rugby union, sino all’esordio internazionale nel rugby league) transitato proprio da Saluzzo per un’amichevole e una gara di campionato, prima del passaggio ai Leoni Veneti.
Con Bergamasco, in quell’occasione, anche Gioele Celerino, classe 1993 ma ormai veterano della Nazionale, ex Newcastle Thunder (Inghilterra) attualmente in forza ai Tully Tigers (Australia).
Diversi poi i giocatori del Saluzzo che hanno meritato la chiamata dell’Italia e il conseguente privilegio della maglia azzurra: Paolo Radosta (1 cap), Lucas Bruzzone (1), Christian Mairone (2), Jaume Giorgis (6) a livello di test, Onofrio Gabriele Radosta, Gabriele Pattaro, Leonardo Grasso e Alberto Berganton in under 21.
«Questo primo anno nel campionato PACA – racconta l’azzurrino Gabriele Radosta – è stato un concentrato di emozioni e ci ha dato tanto da un punto di vista umano e sportivo. Sento di poterlo dire a nome mio e di tutta la squadra: siamo solo all’inizio di un grande viaggio, che porterà noi giocatori e la squadra a nuove sfide e nuove conquiste. Come ha detto il nostro coach Elio Giacoma “le prime volte sono finite e proprio ora dobbiamo darci da fare” e siamo motivati ad andare avanti. Si iniziano a vedere i frutti di tanto lavoro».
«La partita under 21 contro la Spagna ha regalato a me e a tutti i ragazzi maggior consapevolezza. Siamo parte del movimento del rugby league italiano e da emozioni come quella del ritiro e del test dobbiamo ripartire per dare il massimo a livello di club e non solo. Non dimenticherò mai – confida Gabriele – quei giorni. Pazzesco vivere anche se per poco l’esperienza del ritiro, come quei professionisti sempre visti e ammirati in tv. Nella nuova stagione voglio mettercela tutta, anche perché adoro questo sport col suo contatto fisico, la velocità del gioco e dei set. È un codice che sa di novità in Europa e può conquistarsi i suoi spazi».
«La passata stagione agonistica abbiamo avuto modo di conoscere e apprezzare il rugby league, grazie alle partite dei Saluzzo NWR. Siamo stati piacevolmente colpiti dall’entusiasmo, dalla tenacia e dalla disciplina dimostrata dai ragazzi sia in campo che fuori, grazie anche a una dirigenza a dir poco eccezionale. Al termine della stagione – racconta Paolo Vulcano, Assessore allo Sport del Comune di Manta, dove i NWR giocano le partite casalinghe – abbiamo deciso di continuare ad appoggiare questo progetto ambizioso, che ha portato per la prima volta la nazionale italiana a giocare nel nord ovest, dando visibilità enorme al nostro territorio. Pensiamo di mantenere e consolidare la sinergia col club, che ha scelto i nostri impianti sportivi quale base dell’attività. È un piacere condividere progetti come questo, che puntano a far crescere i ragazzi in un ambiente sportivo e sano ed essere un esempio per le generazioni future».
Guidati sempre da Elio Giacoma, i Roosters sono ora al lavoro in vista del 2017-2018.
La sapienza della continuità e l’entusiasmo della novità: staff tecnico allargato, con l’introduzione di nuove figure di collaboratori e tanta di voglia di mettercela. E ispirare, magari, altri a seguire l’esempio e cimentarsi nel rugby league.

Venite a supportare la Squadra Italia!

Partite RLWC2017 Italia Pool D:

Italia v Irlanda, domenica 29 ottobre, Barlow Park, Cairns, 4:00 PM AEST, Townsville Stadium, Townsville

Italia v USA, domenica 5 novembre, Townsville Stadium, 7:40 PM AEDT, Canberra Stadium, Canberra

Italia v Fiji, venerdì 10 novembre, Canberra Stadium, 2:00 PM AEST, Barlow Park, Cairns 

I biglietti per il RLWC2017 partono da soli $10 per bambini/agevolazioni, $20 per gli adulti e $45 per una famiglia di quattro persone.  Disponibili ora su rlwc2017.com.

Fan Club: Per entrare nel Fan Club Italiano (gratuito) e ricevere aggiornamenti visita il sito www.culturalpulse.com.au/rugbyleaguefans

Please follow and like us:
0
0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *